Primi Freddi



La stagione invernale è ormai arrivata e sebbene il cane e il gatto sopportino il freddo meglio del loro padrone, è comunque importante avere qualche piccolo accorgimento per aiutarli a superare le basse temperature e proteggere la loro salute.

Taglia e razza del nostro amico a 4 zampe lo predispone già costituzionalmente ad essere più o meno temprato alle basse temperature: i cani di grossa taglia hanno una maggior massa corporea che funge da isolante e va da sé che riescano a mantenere con più facilità il calore corporeo per più tempo; mentre cani di piccola taglia, razze a pelo corto, e soggetti che non hanno particolare massa corporea necessitano di un trattamento speciale.

Se il nostro cane vive per lo più all’aperto, il freddo potrebbe essere davvero una cattiva compagnia: sono diversi gli accorgimenti da seguire per garantire al nostro compagno il benessere di cui necessita, come ad esempio una alimentazione adeguata, un’ integrazione alimentare con mangimi complementari immunostimolanti o un riparo idoneo.

Questi ed altri accorgimenti non solo potrebbero migliorare la qualità della vita del tuo animale, ma in alcuni casi anche preservarla.

Vediamoli assieme:

1) Alimentazione adeguata

Un’alimentazione adeguata per il nostro cane è sempre essenziale per prevenire lo svilupparsi di diverse patologie, ma in particolare durante la stagione invernale può fare la differenza.

All’abbassarsi delle temperature infatti anche loro, come noi, bruciano più calorie, in particolare se vivono all’aperto. Pertanto una dieta ricca di nutrienti, grassi e proteine, dall’elevato profilo qualitativo, consente loro di non perdere peso utilizzando le riserve corporee come “carburante” per scaldarsi.


2) La “Cuccia”

Attenzione ai cani che vivono all’aperto, importante che abbiano un luogo asciutto e senza correnti per dormire e rifugiarsi.

Ecco perché la “cuccia”, deve essere di dimensioni giuste per la taglia dell’animale, collocata a qualche centimetro da terra, e magari con l’entrata rivolta in direzione opposta a dove soffia il vento. Una coperta, vecchi maglioni, e tutto ciò che può render confortevole il suo riposo saranno ben graditi dal vostro amico.

È bene fare attenzione anche alla profilassi verso le pulci che all’interno di una cuccia ben coibentata potrebbero trovare le condizioni adatte per sviluppare un’infestazione.

(Fate sempre attenzione a non utilizzare materiali che sapete dare allergie al vostro cane; qualsiasi tipo di materiale dovrà essere regolarmente cambiato, soprattutto dopo che ha piovuto; nei casi in cui il freddo è davvero pungente, è consigliabile coibentare la cuccia con dei materiali ecologici come le schiume a base di ricino, soia, zuccheri ecc.)

3) Prendetevi cura di lui

Spazzolando il vostro cane con regolarità, stimolerete la circolazione sanguigna e un adeguato rinnovo del sottopelo che gli consentirà maggiore protezione anche nei mesi invernali. Se si sono bagnati a causa della pioggia o della neve è importante asciugarli bene, soprattutto le zampe e tra le dita, dove possono rimanere i cristalli di ghiaccio che potrebbero contenere sostanze tossiche presenti nelle soluzioni antigelo, nocive per l’animale. Anche il sale può creare serie irritazioni ai polpastrelli del vostro cane, quindi se avete bisogno di sciogliere il ghiaccio su marciapiedi e/o viottolo di casa vi consigliamo prodotti pet friendly.
Attenzione a non esagerare con troppi bagni per tenerlo pulito. Il lavaggio, infatti, lava via anche gli oli protettivi presenti in superficie sulla cute ed espone il cane a un rischio maggiore di secchezza e desquamazioni. Possiamo alternare un classico bagno ad una pulizia quotidiana con salviettine detergenti umide per la pulizia quotidiana)

4) La notte porta…..problemi

Nella stagione invernale, con le temperature rigide, i soggetti anziani e/o malati, i cani di taglia piccola, specie se a pelo raso, vanno maggiormente protetti dalle intemperie e NON dovrebbero essere lasciati all’aperto, soprattutto di notte. Tanti, difatti, i cani che in Italia muoiono durante la stagione invernale per il peggioramento di malattie croniche o la poca protezione ricevuta dal gelo.

5) Acqua, prezioso elemento…attenzione che non si congeli

L’acqua del cane o del gatto se si trova all’esterno può congelarsi. Consigliamo di cambiarla spesso e di usare recipienti in plastica, poiché il metallo conduce il freddo più rapidamente.

6) Un Aiuto alle volte può fare la differenza

Come per il proprio padrone, un integrazione alimentare con mangimi complementari immunostimolanti, possono rafforzare il sistema immunitario e aiutare il nostro cane ad affrontare con più vigore l’inverno.

Ecco perché un piccolo aiuto al sopraggiungere dei primi freddi potrebbe davvero essere un toccasana.

Chiedi al medico veterinario o ad un farmacista specializzato, saprà sicuramente trovare la migliore soluzione per ogni esigenza.


INFO

 
Desidera essere contattato telefonicamente?


Info Privacy